Scrivere, la magia che ferma il tempo

Il mio rapporto con la scrittura raccoglie molte prospettive che emergono quando le parole prendono vita sul foglio. La scrittura è un viaggio, ma anche un dialogo con se stessi e con gli altri, è un’esperienza intima e profonda, ma anche uno spazio che entra nel tempo per plasmarlo.

Scrivere trasforma il tempo ed il tempo trasforma l’atto di scrivere. Scrivere apre la porta verso l’ubiquità che che mi conduce ad un altro tempo che esiste dilatato nell’istante presente. Scrivere è come lasciare una traccia del mio passaggio, per ritrovare quel tempo e quei luoghi nell’adesso. Scrivere è un atto di ascolto verso me stesso, per annotare il qui ed ora e trasportarlo verso l’eternità. Scrivere è una magia che ferma il tempo, ma che può farlo muovere ed ampliarlo e ridurlo ed anche dissolverlo.

Il tempo della scrittura è uno spazio Sacro che sublima l’atto in una condizione sospesa, ritmata solo dal respiro e dalla voce di Sé che si trasforma in parole.
Il tempo, convenzione umana che ci appare come avversario, diventa alleato quando lo accogliamo in noi stessi, facendolo scorrere al nostro ritmo, fino a fermarlo per dare spazio alla nostra identità.

Scrivendo, il tempo non è più un confine, ma una dimensione lungo la quale muoversi liberamente e decidere anche di fermarsi ed aspettare, fermarsi e contemplare, fermarsi ed ascoltare.

#lapoesiacisalverà

Qualcosa di me – la reciprocità

Eccoci arrivati al terzo incontro, in continuità con i precedenti, per raccontarci e per raccontare, per esplorare, conoscersi ed ascoltarsi.

Questa volta Elisabetta Bigo conversa con me sul tema della RECIPROCITÀ.

Con l’intento di creare un contesto favorevole ad una condivisione autentica, faccio affidamento sui tuoi interventi e sulle tue domande!

Qualcosa di me – Il mio percorso di crescita personale

Durante questo primo incontro racconto un po’ di me, con l’intento di mettermi in gioco e di creare un’opportunità di condivisione attraverso la quale esplorare, conoscersi ed ascoltarsi.

Sono accompagnato nella diretta da Elisabetta Bigo che conversa con me sul tema pensato per la serata: il mio percorso di crescita personale – eventi, persone, scoperte.

Vi sono grato se vorrete porre domande, condividere riflessioni, offrire suggerimenti e proporre temi da approfondire nelle prossime dirette, perché sarebbero contributi essenziali e preziosi per costruire insieme il nostro dialogo come strumento di RECIPROCITÀ.

Il bambino e il sogno

“Questa notte ho fatto un sogno bellissimo, volavo alto nel cielo. Tutto sembrava piccolo piccolo come in quelle palline di vetro dove scende la neve, ma senza neve. Sembrava vero!” disse aprendo gli occhi dopo la tempesta di baci mattutina della mamma. “Perchè ti sembra vero, tesoro?” domandò la mamma per farlo svegliare del tutto e per mantenere vivo il ricordo del sogno. “Perchè era come se volassi davvero davvero, ma adesso lasciami dormire ancora un po’”. Il ricordo del sogno era intatto, un po’ meno il tentativo di risveglio. “Allora, forse, hai volato davvero davvero” continuò la mamma.

Si sedette sul letto pensieroso e definitivamente risvegliato. “Dici che ho volato davvero? Ma io non posso volare, non ho le ali o un razzo o quella cosa che ti spinge su con l’aria. E poi ero a letto, in pigiama e fuori fa freddo. E poi adesso sono sveglio proprio del tutto con tutte queste domande”. Ma quel sembrava vero suonava male per il sogno di un bambino. Quanti genitori sarebbero stati fieri di quel presunto segnale di crescita, con l’allontanamento dalle fantasie infantili e l’avvicinamento alla realtà dei grandi. Ma non lei. E gli domandò: “Ti è piaciuto quel sogno?”. “Ti ho detto che è stato bellissimo, quindi certo che mi è piaciuto!” le rispose. Senza fare caso allo sguardo che la osservava spazientito, la mamma aggiunse: “Anche a me piace volare, lo sai, e mi fa stare bene. E cosa hai provato durante il tuo volo?”. “Ti ricordi quella volta che mi è scappato il palloncino e andava sempre più su? Ecco, mi sono sentito così: libero e leggero, potevo andare dappertutto e mi sentivo felice” le rispose di getto. “Quindi, se ho capito bene, eri libero, felice ed è stato bellissimo” concluse la mamma. “Mamma, perchè non abbiamo dormito ancora un pochino stamattina? Così io avrei potuto volare ancora un po’ e tu avresti capito subito le mie risposte”. Logica ineccepibile. Perchè poi bisogna svegliarsi presto anche nel fine settimana? Ah, già, roba da grandi. Per approfittare della giornata e fare tante cose. “Hai ragione amore, ma sai che la mamma è curiosa di conoscere le tue belle avventure e come per magia torna bambina, solo che nella trasformazione a volte si dimentica le cose già dette. Posso farti ancora una domanda tesoro?”. “Va bene, ma solo una e poi andiamo di là a fare le costruzioni”. “Va bene. Nel tuo sogno ti sembrava di volare o volavi davvero?”. “Certo che volavo davvero mamma! Volavo davvero davvero, non per finta come quando gioco con i miei amici”. “Grazie tesoro, ora basta domande e andiamo a giocare come promesso”.

Dopo un attento ed appassionato lavoro di costruzione, anche senza guardare l’orologio lo stomaco ricordò ad entrambi che sgranocchiare qualcosa per colazione sarebbe stato gradito e necessario. E si avviarono concordi verso la cucina. Dopo una lunga discussione su cosa, come e quanto, si sedettero finalmente al tavolo una davanti all’altro come d’abitudine.

“Mamma, pensavo al sogno e a quello che mi hai detto. Perchè mi hai fatto tutte quelle domande stamattina?”. “Perchè mi dispiaceva che dubitassi del tuo bellissimo sogno”. “Cosa vuol dire dubitare?”. “Non essere sicuri di una cosa”. “Ma tu mi dici sempre che non essere sicuri ci aiuta farci delle domande per capire meglio, quindi è una cosa buona, no?”. L’altra cosa che resiste al tempo come le piramidi è la memoria dei bambini. “Hai ragione, è una cosa buona tesoro, mi sono spiegata male. Volevo dire che mi è sembrato non fossi sicuro di aver volato nel tuo sogno, ma poi mi hai spiegato che hai volato davvero davvero”. “E perchè per te era così importante mamma?”. Giocare stimola davvero il cervello e le sue funzioni. “Perchè nei sogni si vivono avventure fantastiche. Si vive una vita quando si è svegli e se ne vive un’altra vita quando si dorme. È come vivere due volte, scoprire due volte. Perfino giocare due volte!”. “Allora se si gioca il doppio mi piace vivere due volte”. Giocare è anche un buon alleato. “Questo è uno dei motivi per i quali dormire non è una perdita di tempo. Si fanno tante cose e si conoscono tante cose”. “Quali cose mamma?”. “Per esempio, hai scoperto che ti piace volare. E tutte le notti potrai scoprire tante altre cose di te e svegliandoti le porterai con te. Anche quando ti sembrerà di non aver sognato, i sogni saranno al sicuro in un cassetto segreto e tutto tuo per ritrovarli un’altra notte”. “Quindi i sogni sono importanti mamma?”. “I sogni raccontano chi sei e quali sono le avventure che ti piacciono”. “Come il palloncino del mio sogno per esempio?”. “Certo! Un palloncino, un’aquila o tutto ciò che vuoi”. “Posso farti ancora una domanda mamma?”. “Sì, ma poi torniamo di là a giocare”. “Va bene. Tu sogni ancora o si sogna solo da bambini?”. “Diciamo che da bambini viene meglio, ma se vuoi davvero essere un palloncino, puoi esserlo anche da grande.”

La domenica passò fra piccoli lavori casalinghi e giochi, ma quella chiacchierata sui sogni rimase nei loro pensieri tutta la giornata. Alla fine della tradizionale lettura serale della storia accoccolati sul letto, il bimbo disse: “non vedo l’ora di sognare e di continuare a giocare mamma”. “E io non vedo l’ora di sognare e di vivere avventure meravigliose” gli rispose. “Anch’io mamma! E voglio ricordarle bene bene per raccontartele domattina!”. “Senti… e se scrivessimo le nostre avventure?”. “Sì dai! È un’idea bellissima! Ma io non so ancora scrivere tanto bene…”. “Facciamo così: tu disegnerai le storie ed io le scriverò. Cosa ne dici?”. “ Sì mamma! Quello lo so fare! Sono bravo a disegnare e poi mi piace tantissimo. E poi posso usare tutti i colori per raccontare la storia proprio bene”. “Allora è deciso! Domani si inizia! Dobbiamo dormire subito, così saremo più riposati per disegnare ed avremo più tempo per sognare! Buonanotte piccolo mio, che sia una bella avventura, fatta di giochi, di emozioni e di scoperte”. “Buonanotte mamma, sogna tanto anche tu, così avremo tante storie da scrivere”. Poi si mise a ridere, con una risata libera e contagiosa. “Cosa succede amore? Dobbiamo dormire! Dobbiamo sognare!”. “È che ti ho immaginata come un palloncino colorato con le braccia e le gambe e facevi proprio tanto ridere…”. La battaglia di solletico era inevitabile…

IMG_1198